NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Palazzo Salis
5.0/5 rating (2 votes)

il 25.04.13 Postato in News

Palazzo Salis

Le nove case vacanze di Bormio invitano i gentili ospiti ad una visita al Palazzo Salis a Tirano, affascinante testimonianza storica ed artistica della Valtellina.
La famiglia Salis Zizers, proveniente dall’isola Comacina, è da sempre proprietaria del Palazzo. Intorno all’anno 1100, in seguito alle guerre tra il ducato di Como e di Milano, i Salis dovettero sfuggire alle devastazioni dell’isola Comacina e risalire il lago di Como fino in Valtellina. Si insediarono in Val Bregaglia e nel 1630 il ramo cattolico della famiglia si stabilì a Tirano. Giovanni Salis, nominato Governatore della Valtellina nel 1679, iniziò la costruzione del palazzo che terminò nel 1690. Il 26 agosto1694 ottenne la dignità comitale: l'imperatore Leopoldo 1° d'Asburgo concesse al Salis il titolo di Conte del Sacro Romano Impero. Da Simone Salis, primogenito di Giovanni, discendono gli attuali eredi della famiglia.
L'interno del Palazzo è visitabile. Dalla corte della Meridiana si sale lo scalone d'onore, si attraversa il salone e infine si accede al museo che comprende 10 sale splendidamente affrescate e restaurate, allestite con rari documenti storici, dipinti e pezzi di antiquariato .Il percorso prevede anche l'affaccio sulla magnifica cappella privata barocca, dedicata a San Carlo Borromeo, e la visita al prestigioso salotto di lettura detto il "Saloncello" che per secoli fu luogo di incontro politico dei Governatori della Valtellina. Per concludere la visita al Palazzo Salis proponiamo l’incantevole passeggiata nel giardino all'italiana che rappresenta una rarità assoluta per le zone alpine del nord Italia. Qui trionfano fiori e piante come il bosso, rose meravigliose, lillà, ginepri e il secolare cedro del Libano.

By Pervinca